Consigli per emergenza Covid-19


I CONSIGLI PER I NOSTRI ANZIANI AL DOMICILIO E PER CHI SI PRENDE CURA DI LORO

Per i contatti con i geriatri del CDCD  è attivo come prima il numero 0544/286629, dove si possono ricevere info anche per visite , appuntamenti e farmaci.

Si ricorda che i piani terapeutici sono stati prolungati di 2 mesi. Per qualsiasi richiesta di informazioni si prega di contattare il numero 0544/286629 o la Psicologa Mascia Tacconi allo 0544/286628

E’ ATTIVO IL SUPPORTO PSICOLOGICO E LA PSICO-CONSULENZA contattando il Servizio Psicologico del Centro Disturbi Cognitivi Demenza ai numeri 0544/286628 oppure 338/3587081.

I familiari delle persone inserite negli interventi psicosociali, attualmente sospesi , possono anche rivolgersi alla psicologhe referenti dei singoli gruppi, le quali si confronteranno per ogni specifico caso con la psicologa dello stesso Centro Aziendale ed in modo integrato valuteranno come fornire il tipo di intervento e supporto più adeguato.


QUALCHE CONSIGLIO PER LE PERSONE ANZIANE E IN DIFFICOLTA’

  • Cercate di evitare contatti con tutte le altre persone, soprattutto se presentano problematiche, anche piccole, di raffreddamento;
  • In caso voi stessi presentaste sintomi influenzali quali starnuti, tosse e febbre superiore a 37.5°C, telefonate al vostro Medico di Medicina Generale senza recarvi direttamente (salvo altra prescrizione) e limitate al massimo i contatti con altre persone della vostra famiglia;
  • Evitate di andare al ProntoSoccorso senza avere prima consultato il vostro Medico di Medicina Generale.

Gestione del bisogno:

Se non riesce a procurarsi la spesa e i farmaci, se ha difficoltà può contattare i seguenti recapiti:

  • Ravenna 0544-482584
  • Cervia 0544979196
  • Russi 0544 587644

nei seguenti orari: Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e il  giovedì dalle 15.00 alle 17.00

Scarica il volantino completo per maggiori informazioni: Volantino emergenza COVID 19 Comune Ravenna


Progetto gestione aspetti psico-comportamentali al proprio domicilio

Con il termine demenza si indica una “sindrome”,  ossia un insieme di sintomi, che si manifesta con un deterioramento progressivo delle funzioni cognitive (memoria, linguaggio, ragionamento, capacità di pianificare e di organizzare) tali da compromettere le abituali attività della vita quotidiana (lavoro, interessi, attività ordinarie) e le relazioni.

Le demenze sono caratterizzate da un nucleo di disturbi secondari al deficit di memoria e delle altre funzioni intellettive, definiti con il termine di BPSD (Sintomi Comportamentali e Psicologici nella Demenza). I BPSD costituiscono un problema clinico di difficile gestione e una pesante fonte di stress e sovraccarico assistenziale per operatori e familiari. Possiamo definire sintomi affettivi: depressione, ansia, irritabilità, labilità emotiva, altri comportamenti specifici come vagabondaggio, agitazione-aggressività, ansia, vocalizzazione persistente, affacendamento incongruo, perseverazioni, indifferenza, apatia. Oppure altri sintomi di tipo psicotico come deliri, allucinazioni, misidentificazioni o disturbi della condotta del sonno, dell’ alimentazione e della Sessualità.

Le linee di indirizzo Nazionali sui Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali per le demenze, definiscono l’importanza di realizzare follow-up con percorsi preferenziali territoriali, gestione dei disturbi psico-comportamenti, supporto e psicoeducazione del famigliare/caregiver mirata alla gestione dei sintomi comportamentali, anche tramite accessi al domicilio che consentono di individuare e modificare contesti ambientali o relazionali disfunzionali.

Obiettivi del progetto a cura della psicologa dell ‘Associazione Alzh e psicologa del CDCD in collaborazione con l’equipe dello spesifico CDCD Aziendale e Comune Ravenna – Cervia – Russi

  1. Sostegno alla domiciliarità
  2. Rinforzo degli interventi non farmacologici a favore delle persone con demenza
  3. Contenimento dei disturbi psicologici e comportamentali (BPSD) attraverso un intervento psico-educazionale e di consulenza psicologica ai familiari.
  4. Supporto al caregiver formale e informale operante e residente a domicilio e contrastare l’isolamento, aumentando il senso di competenza e autoefficacia
  5. Psicoconsulenza sulla patologia e sulle strategie (comunicative, relazionali, ambientali, psicologiche) di conoscenza, osservazione, presa in carico e possibile risoluzione degli aspetti psico-comportamentali della persona con demenza  e comprendere gli aspetti psico affettivi della persona con demenza facendosene adeguatamente carico
  6. Aiuto-supporto al caregiver nella consapevolezza dei propri vissuti emotivi  e aumentare le capacità di fronteggiamento, sostenendoli nella maggiore presa di consapevolezza dei comportamenti disfunzionali e l’acquisizione di modalità più adeguate di gestione
  7. Rinforzo alla collaborazione con la Rete dei Servizi territoriali operanti  nell’ambito delle demenze
  8. Rinforzare la partecipazione delle famiglie agli eventi di formazione/informazione, psico educazione organizzati e attivi nel territorio
  9. Monitoraggio condizioni assistenziali e del nucleo familiare, come della condizione sanitaria, cognitiva, psico-sociale e funzionale della persona affetta da demenza

Pareri degli esperti legali che collaborano con l’Associazione Alzheimer di Ravenna

Alla luce  del nuovo decreto Corona virus abbiamo chiesto un parere al legale della nostra associazione l’Avvocato  Stefano Franchi sulla mobilità per ragioni di salute.
Quì di seguito potete trovarei file che descrivono il parere sull’attività motoria per ragioni di salute rivisto in base alle disposizioni del Decreto del Ministero della Salute del 20 marzo 2020.
Inoltre potrete scaricare il provvedimento  sul sostegno alla disabilità previsto dal DL Cura Italia.

Scarica i documenti che riportano il parere legale dell’Avvocato Stefano Franchi cliccando sui link sotto:

EMERGENZA CORONAVIRUS: PROVVEDIMENTI DEL “DECRETO CURA ITALIA” AFAVORE DELLE DISABILITÀ

ATTIVITA’ MOTORIA E DISABILITA’ IN TEMPO DI EMERGENZA DA CORONAVIRUS

MODULO DI AUTODICHIARAZIONE DEL 26/03/2020


EMERGENZA CORONAVIRUS: NUOVO DECRETO LEGGE DI RIORDINO DELLE

MISURE RESTRITTIVE DELLA LIBERTÀ DI CIRCOLAZIONE.

LA SOSPENSIONE DEI DIRITTI CIVILI COSTITUZIONALMENTE PROTETTI NELLA C.D.FASE 2